Ford Mondeo

Ford Mondeo, la berlina euroamericana

Promossa ad ammiraglia
Svelata nelle sue vesti definitive al Salone di Ginevra 1993, Ford Mondeo fa il suo ingresso in Europa come nuova berlina di classe medio/alta del brand americano, raccogliendo l’eredità della Sierra, berlina e wagon prodotta in due differenti generazioni, tra il 1982 ed il 1993, con largo e diffuso successo commerciale. La prima Mondeo, progettata specificatamente per i mercati europei ed asiatici, debutta in un periodo economicamente turbolento per il marchio di Dearborn, contrassegnato dalla filosofia del taglio dei costi ad ogni costo, congiunta a listini ingiustificabilmente gonfiati. Le berline Escort e Orion del periodo (1990-1993) descrivono perfettamente gli standard Ford di inzio anni ’90, segnati da vetture progettate da contabili e tagliate con l’accetta, tendenzialmente lesive dell’immagine del gruppo. Un netto cambio di pensiero, supportato da un investimento di 6 miliardi di dollari americani, spesi nel design e nella progettazione della Mondeo, risolleveranno le sorti stilistiche e commerciali della Ford nel Vecchio Continente (e nel Nuovo), inaugurando un successo lungo 4 generazioni.
Nome in codice CDW27 (dove ‘C’ e ‘D’ sono i segmenti tra cui naviga e dove ‘W’ sta per ‘World’, vedi anche il nome commerciale, ad indicare l’internazionalità del progetto), la prima generazione di Ford Mondeo (1993-1996 >>>), nasce su piattaforma inedita e dedicata, con trasmissioni manuali o automatiche (con tanto di overdrive e di funzioni elettroniche ‘Sport’ ed ‘Economy’), sofisticate sospensioni auto-livellanti, ABS di serie, airbag frontali (unica nel segmento con airbag guida di serie), barre side-impact, controllo di trazione, specchietti retrovisori elettrici, sedili posteriori ribaltabili e, nelle versioni meno economiche, con trazione integrale, sedili in pelle, tettuccio elettrico, computer di bordo e cerchi in lega. Disponibile in versione berlina 3 volumi 4/5 porte e Station Wagon, la nuova mid-size Ford segna uno stacco netto dalla più recente produzione della casa madre in Europa, proponendosi con un nuovo look fluido, organico ed equilibrato e scegliendo come armi principali qualità e sicurezza (attiva e passiva). Il riscontro di pubblico e critica, testimoniato dall’elezione ad Auto dell’anno 1994 (‘European Car of the Year’, otto anni dopo la berlina full-size Ford Scorpio: chi se la ricorda?) supera le previsioni, proiettando la Mondeo ai vertici delle classifiche di gradimento e vendita del segmento. Le novità non si fermano a design e dotazione, proseguendo con il meglio della produzione motoristica del colosso americano, ovvero i nuovi propulsori Zetec, nelle versioni benzina 16V 1.6 90 CV, 1.8 115 CV e 2.0 136 CV. A completare la gamma d’esordio, il turbodiesel Endura-D 1.8 88 CV, seguito nel 1994 da un nuovo, prestazionale ma non popolare, benzina 2.5 24 valvole V6 Duratec 170 CV, utilizzato anche sulla gemella diversa della Mondeo, l’americana Ford Contour, nonché sulla sportiva Mondeo ST24 (1997).
Nel 1996 la Mondeo è soggetta ad restyling, estesissimo nonostante investimenti fortemente e nuovamente ridimensionati. La nuova versione (1996-2000 >>>), completamente rinnovata, è una vera a propria seconda generazione, conservando solamente porte e tetto degli esterni originari. Griglia frontale ovalizzata, nuovi gruppi ottici arcuati, con profili superiori a seguire lo sviluppo del cofano, stondatissimo, disegnano una vettura esteticamente lontana dalla precedente, nonostante l’architettura di base pressoché inalterata. Sostituito il benzina 2.0 16V 136 CV con una versione depotenziata a 131 CV e portato il turbodiesel 1.8 a 90 CV, la gamma delle motorizzazioni verrà ampliata nel 1999, con l’arrivo dei nuovi benzina 1.6 16V 95 CV e 2.5 24V 205 CV, quest’ultimo ad equipaggiare la ST200, nuova versione sport con cerchi in lega 16″ e bodykit RSA (Rally Sport Appearance) di serie.
Più grande e spaziosa della sua progenitrice, con misure da ammiraglia (vedi l’uscita di scena della Scorpio, nel 1999), la terza generazione di Ford Mondeo (2000-2007 >>>) riprende nell’estetica gli stilemi del design New Edge inaugurati con la compatta Focus, rivedendo completamente le proprie forme. Seguendo le tendenze di mercato del momento, esacerbate dalla contemporanea Volkswagen Passat, la terza Mondeo viene realizzata con grande cura e qualità negli interni, con conseguente lievitazione del listino. Punto di contatto con le precedenti generazioni è l’attenzione alla sicurezza passiva, capitalizzata grazie a un corpo vettura più resistente, al nuovo IPS (Intelligent Protection System), sistema ‘intelligente’ a sensori, in grado di scegliere la migliore combinazione di sicurezza attivando o meno airbag frontali, laterali o a tendina, e alla sicurezza attiva, con ABS ed EBD di serie ed ESP opzionale, il tutto per 4 stelle Euro NCAP. Ribattezzati Duratec i vecchi Zetec, pesantemente rivisti, la nuova gamma delle motorizzazioni comprende i benzina 1.8 125 CV e 2.0 145 CV, il 3.0 V6 26 CV sviluppato per la sportiva ST220, nonchè il già visto 2.5 V6 170 CV, oltre ai nuovi Duratorq TDCi, ad iniezione diretta e geometria variabile, 2.0 115 CV. Novità assoluta è l’introduzione della trasmissione Durashift, unità a 5 rapporti utilizzabile in modalità automatica o manuale. Nel 2003 la gamma Mondeo viene aggiornata (>>>), con ritocchi estetici esterni, evidenti nella griglia anteriore a nido d’ape, maggiorata e cromata, ed interni, con l’adozione di un nuovo cruscotto, climatizzatore automatico, radio/CD e navigatore satellitare. Il cambio Durashift viene reso disponibile anche con paddles al volante, mentre il comparto motori vede l’ingresso del Duratorq TDCi 2.0 130 CV, seguito nel 2005 da una versione entry level da 90 CV e dal prestazionale 2.2 TDCi 155 CV.
Quarta ed attuale generazione di Ford Mondeo all’esordio nel 2007 (nome in codice CD345, senza la ‘W’, vista la vocazione prettamente europea del veicolo), anticipata al Salone di Francoforte 2005 dalla concept Iosis (>>>), con forme tese a ‘catturare l’energia in movimento’, grazie alla nuova filosofia del Kinetic Design, e stilemi pronti a riversarsi sull’intera gamma Ford. Fedele nello sviluppo complessivo al suo prototipo, la nuova Mondeo (>>>) è realizzata sulla piattaforma EUCD sviluppata in collaborazione con Volvo, utilizzata inoltre su Ford Galaxy e S-MAX, Volvo S80 e Land Rover Freelander (LR2). Come da tradizione berlina 4 o 5 porte e Station Wagon, la rinnovata Mondeo coniuga mai come prima prestazioni e consumi (relativamente) contenuti, grazie a i nuovi benzina Ecoboost 1.6 125 CV e 2.0 145 CV, oltre al potente 2.5 turbo 220 CV. Tra i diesel figurano i TDCi DPF 2.0 140 CV, con cambio manuale o cambio automatico/sequenziale 6 rapporti a doppia frizione Powershift, e il 2.2 biturbo 175 CV.

Oggetto di facelift nel 2010 (>>>), la berlina euroamericana (dalla prima all’ultima generazione prodotta a Genk, in Belgio) si presenta con look rinfrescato (vedi frontale ridisegnato con fanaleria più elegante, lineare e tecnologia a LED). Sul fronte della tecnica, le novità si chiamano Lane Departure Warning, sistema in grado di segnalare l’ivasione di corsia, Auto High Beam Control, dispositivo di correzione automatica dei fari abbaglianti, e Driver Alert. Tra i dispositivi ereditati da S-Max e Galaxy, citiamo il Blind Spot Information System, il limitatore di velocità, la retrocamera e le porte posteriori con chiusure di sicurezza ad attivazione elettrica. Ultime citazioni per i nuovi EcoBoost 1.6 160 CV, 2.0 203-240 CV, Duratorq 2.0 115-163 CV e per la versione bifuel benzna/GPL 2.0 141 CV. Proposta ad identico prezzo nelle versioni 4 o 5 porte, mediamente con 1.000 euro di sovrapprezzo nella versione wagon, Mondeo si fa apprezzare per l’ormai “classico” livello di sicurezza attiva/passiva (5 stelle Euro NCAP, nel 2007), ma anche per la linea, elegante ed ancora moderna, per l’assetto equlibrato e le sospensioni efficaci (un po’ secche sullo sconnesso), in grado di massimizzare stabilità e tenuta di strada. Non il massimo invece l’abitabilità posteriore (meglio per 2 che per 3 passeggeri) e gli ingombri, “difficili” nel traffico urbano. Necessari i sensori di parcheggio (opzionali).

Prossimamente su queste strade…
Presentata al recente NAIAS di Detroit, la Ford Fusion MY2012 (da non confondere con la ri-denominata Fusion UAV europea) non sarà solo un’esclusiva americana, ma la nuova berlina globale del marchio di Dearborn. Al debutto statunitense con i turbobenzina EcoBoost 1.6 180 CV e 2.0 240 CV, la rinnovata Fusion (>>>) verrà proposta anche con un 2.5 aspirato da 170 CV, nonché nelle versioni Hybrid e Hybrid Plug-In (Fusion Energi, con la ‘i’ e senza ‘e’). Presto in Europa, nelle vesti della nuova Mondeo.

Lo sapevate che…
Negli States la Mondeo è stata presente sotto le mentite spoglie della Ford Countour e della gemella Mercury Mystique (1995-2000), vetture con cui condivideva pianale, meccanica, frontale e finestrini … impressionante la varietà dei nomi affibbiati alle versioni/allestimenti (Base, Aspen, LX, GLX, Si, Ghia, Ghia X, Mirage, CLX, Verona, Business Edition, GT, poi seguiti da Zetec, Zetec-S, ST24, ST200, Edge, ECOnetic, Titanium, Titanium X, Titanium X Sport, XR5 Turbo, Trend, Premium,…) … tra i premi riflati alla Mondeo citiamo, in sintesi: What Car? Car of The Year (1993, 2001), Best Used Family Car (2006), Best Estate Car (2008, 2009, 2001, 2012), Best Family Car (2008, 2009, 2011, 2012), Top Gear Car of the Year (2001, 2007 in coabitazione con la Subaru Legacy Outback), Drive Car of The Year Best Medium Car (2007, 2008, 2010) … Ford Mondeo ha partecipato, dal 1993 al 2000, al British Touring Car Championship (BTCC) con i piloti Alain Menu, Anthony Reid, Rickard Rydell, Andy Rouse e Paul Radisich … uno Zetec-R, poco imparentato con i propulsori della Mondeo, equipaggiava la Benetton B194 su cui Michael Schumacher vinse il primo dei suoi 7 mondiali F1, nel 1994 … la quarta generazione di Mondeo venne svelata in anteprima sul grande schermo, come “vettura sostitutiva” dell’agente 007 James Bond (Daniel Craig) in Casino Royale (2006), quindi ribattezzata “Ford Bondeo”.

Chi guida una Mondeo?
Autopattuglia in una lista infinita di serie tv (Wycliffe, Tatort, Alarm für Cobra 11 – Die Autobahnpolizei, Kryminalni, Spooks, Der Clown, Doctor Who, Law & Order: UK,…) ma anche sul grande schermo in Cars 2, Basic Instinct 2, RocknRolla, Essex Boys, Children of Men, The Guard …e via dicendo, Ford Mondeo è stata l’auto di Jonas Engström (Stellan Skarsgård) in Insomnia (1997), diretto da Erik Skjoldbjærg, di Gérald (Alain Libolt) in Racconto d’autunno (Conte d’automne, 1998), diretto da Eric Rohmer, ma anche dei detective televisivi Jeff Slade (Michael French) in Crime Traveller e John Luther (Idris Elba) in Luther. Preferita dai piedipiatti, Mondeo è l’auto su cui viaggiano l’ispettore Tom Barnaby (John Nettles) e il sergente Gavin Troy (Daniel Casey) in Midsomer Murders, Grim e Kray (David Haig e Kevin Allen), gli uomini dell’ispettore Fowler (Rowan Atkinson) in Sbirri da sballo (The Thin Blue Line), nonché i “meno legali” Dan Starkey (David Thewlis) e Charles Parker (Richard Gant) in Divorcing Jack (1998), coinvolti in una sparatoria con carrozzeria forata, e Colin e Howie (Robson Green e Mark Benton) in City Lights.

Ford Mondeo in una parola: contemporanea

Ford Mondeo viene attualmente proposta (01/2012) in versione berlina 3 volumi (4 o 5 porte) e Wagon (SW), negli allestimenti Plus, Titanium o nell’edizione top di gamma Individual, con motorizzazioni benzina Ecoboost 1.6 160 CV, 2.0 turbo 203-240 CV, diesel TDCi Duratorq 1.6 115 CV, 2.0 163 CV, 2.2 200 CV o bifuel benzina/GPL 2.0 141 CV, con cambio manuale 5 rapporti, (robotizzato Ford Powershift (su Titanium 2.0 TDCi 163 CV o in combinazione con motorizzazioni Ecoboost 203-240 CV), manuale 6 rapporti o automatico 6tronic (solo con motorizzazione 2.2 TDCi 200 CV).

Qui una sintesi degli equipaggiamenti di serie su Ford Mondeo e Mondeo Wagon. Per tutti i dettagli su allestimenti,motorizzazioni, accessori, optionals e per le promozioni del nuovo attualmente disponibili, vi rimandiamo al sito ufficiale ford.it

Ford Mondeo offre di serie (1.6 Ecoboost Plus 4 porte): ABS (sistema di frenata antibloccaggio con EBD e CBC), EBA (assistenza alla frenata di emergenza), ESP (controllo elettronico della stabilità), TCS (controllo elettronico della trazione), airbag guida e passeggero attivi, airbag ginocchia conducente, airbag laterali a tendina (anteriori e posteriori), airbag laterali anteriori altezza torace, poggiatesta anteriori e posteriori, barre laterali anti sfondamento, chiave con transponder, chiusura centralizzata + comando a distanza, seconda chiave con telecomando, cinture di sicurezza anteriori inerziali con pretensionatore e regolabili in altezza, cinture di sicurezza posteriori a 3 ancoraggi, alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, climatizzatore automatico bizona EATC, correttore assetto fari, fendinebbia anteriori, Immobilizer, indicatore temperatura esterna, IPS (Intelligent Protection System), luci anteriori a spegnimento ritardato (effetto teatro), luci frenata di emergenza, luci LED anteriori e posteriori, pedaliera e piantone dello sterzo collassabili, quadro strumenti Cruiser Level 1, radio/CD Visteon 6000, sedile guida con regolazione elettrica a 2 vie, regolabile in altezza, eedile posteriore sdoppiato, servosterzo ad assistenza variabile, sistema antincendio FIS, Power Child Locks, supporto lombare sedile passeggero, vano portaoggetti refrigerato, volante regolabile in altezza e profondità, rivestito in pelle e con comandi computer di bordo (HMI).
Il top di gamma (2.2 TDCI Individual 6Tronic 5 porte) aggiunge alla dotazione di serie: luci diurne a LED, paraurti anteriore sportivo, minigonne laterali, diffusore posteriore, griglia frontale ribassata a nido d’ape, bocchette di aerazione separate posteriori, chiusura elettrica di sicurezza portiere posteriori, comandi radio al volante, specchietti di cortesia con luci integrate, Cruise Control, kit esterno Full Dress Up, parabrezza termoriflettente, Privacy Glass, pulsante di avviamento Ford Power, quadro strumenti avanzato Convers+, retrovisore fotocromatico, interni in pelle premium e logo Individual, sedili in pelle Individual, sedili anteriori riscaldati, con regolazione elettronica a 8 livelli e regolazione lombare, sedile guida con funzione memoria, specchietti laterali esterni riscaldabili, regolabili elettricamente e con funzione memoria, sensore pioggia, soglie battitacco in acciaio lucidato con logo Individual, tappetini in velluto con logo Individual, cerchi in lega Individual 18″.
In optional: 7 tipologie cerchi in lega 16″-17″, cerchi in lega 19″, controllo velocità di crociera adattivo (ACC), fari Bi-Xeno adattivi, IVDC (Interactive Vehicle Dynamic Control) con HLA, ruota di scorta regolare, sistema di intrattenimento multimediale, sistema Ford Key Free, tetto apribile a comando elettrico, vano portaoggetti refrigerato, Touch Navigation System, navigatore satellitare DVD, Bluetooth con USB, parabrezza termoriflettente, antifurto perimetrale e volumetrico, pedaliera in alluminio, spoiler posteriore, paraurti anteriori e posteriori sportivi, minigonne laterali, keyless entry, privacy glass, gancio traino fisso o removibile,… Tra gli accessori: Battitacco con logo Mondeo, deflettore ClimAir, frigorifero Waeco, box portabagagli Thule, kit ribassamento sospensioni Eibach, portabici Thule ProRide, portasci/snowboard Thule Xtender,…

Consigliata come usato, valutazione: 8.5/10.

Dove risparmiare sull’acquisto di una Ford Mondeo usata:
1) Mondeo km zero
2) Mondeo usata aziendale
3) Ford Mondeo usata (annunci di privati in Italia)
4) Tutti gli annunci di Ford Mondeo su Autoscout24 & Trovit.

Ford Mondeo Wagon (SW) viene proposta negli stessi livelli di allestimento e motorizzazioni della versione berlina 4/5 porte.

Consigliata come usato, valutazione: 8+/10.

Dove risparmiare sull’acquisto di una Ford Mondeo Wagon usata:
1) Mondeo SW km zero
2) Mondeo SW usata aziendale
3) Ford Mondeo SW usata (annunci di privati in Italia)
4) Tutti gli annunci di Ford Mondeo SW su eBayAutoSuperMarket.

One thought on “Ford Mondeo

  1. Pingback: Ford Mondeo: le opinioni di chi l’ha guidata | Auto usate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>